Editoriale del numero 117
Luglio - agosto 2004

IL GENERALE EDWARD THOMAS CON I VETERANI DELLA “FIRST SPECIAL FORCE ASSOCIATION” RITORNANO A ROMA NEL 60° ANNIVERSARIO

Nel 60° anniversario dell’ingresso a Roma (4 giugno 1944) del Generale Edward Thomas, il Presidente Ciampi ha ricevuto una delegazione di Veterani della “First Special Force Association”, rivolgendo loro il significativo discorso che riportiamo integralmente.

La nostra“European Military Press Association” , impegnata a trasmettere la memoria di quegli indimenticabili eventi alle giovani generazioni, saluta i protagonisti della storica impresa americana con una amicizia cementata da profonde motivazioni, nella riaffermazione della libertà e della democrazia, come valori fondanti della nostra società.
Il Generale Thomas, nato nel Tennessee, entrò presto in carriera militare, divenendo ufficiale della leggendaria divisione paracadutisi “All Americans”. Fu poi chiamato alla “Prima Forza Speciale”, che divenne la vera unità modello per le attuali forze speciali.

Nella campagna d’Italia l’unità dimostrò un grande valore con epiche imprese sulla “Gustav Line”, fino alla liberazione di Roma, suscitando all’ingresso nella capitale un dilagante entusiasmo.

Non abbiamo dimenticato quelle imprese Generale Thomas: con il loro costante ricordo continuiamo a lavorare ispirandoci ai grandi valori che rivivono nelle nostre coscienze.

Pier Giorgio Franzosi


Palazzo del Quirinale, 04-06-2004
Il Presidente Ciampi con il Gen. Edward Thomas, il primo Ufficiale alleato ad entrare in Roma il 4 giugno del 1944 ed il Segretario dell'Esercito Statunitense Les Brownlee, in occasione dell'incontro con i componenti la delegazione della 1st Special Force Association.


Palazzo del Quirinale, 04-06-2004
Il Presidente Ciampi con a fianco il Segretario Generale del Quirinale Gaetano Gifuni, durante l'incontro con una delegazione della 1st Special Force Association, guidata dal Gen. Edward Thomas, il primo Ufficiale alleato ad entrare in Roma il 4 giugno 1944 e dal Segretario dell'Esercito Statunitense, les Brownlee.



INCONTRO DEL
PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
CARLO AZEGLIO CIAMPI
CON IL GENERALE EDWARD THOMAS
E I VETERANI DELLA FIRST SPECIAL FORCE ASSOCIATION

Palazzo del Quirinale, 4 giugno 2004



Generale Thomas,
Veterani della First Special Force Association,
Signore e Signori,

il 60° anniversario della liberazione di Roma da parte delle forze alleate evoca eventi indimenticabili per gli uomini e le donne della mia generazione. Il nostro compito è di trasmettere la memoria ai giovani americani ed italiani.

Lei, Generale Thomas, appartiene, insieme ai Suoi veterani, a una generazione protagonista di una storica impresa in cui gli Stati Uniti svolsero un ruolo essenziale: l'affrancamento dell'Europa dal nazismo e dal fascismo. La liberazione di Roma fece riscoprire al popolo italiano l'autenticità di un'antica amicizia fra l'Italia e gli Stati Uniti. Cementata da saldi legami culturali, da milioni di italiani giunti negli Stati Uniti come immigrati e divenuti pieni cittadini; suggellata dalle comuni prove del primo conflitto mondiale, quella amicizia ebbe - da allora in poi - una motivazione profonda nella riaffermazione della libertà e della democrazia come valori fondanti della nostra società. La mattina di quel 4 giugno di sessanta anni fa l'ingresso delle truppe alleate nella Capitale suscitò sollievo, emozione. La First Special Force fu accolta con dilagante entusiasmo dalla città, che si sentì liberata. Non lo abbiamo dimenticato.

Il nuovo governo costituito nell'aprile del 1944 con un'ampia partecipazione di forze politiche, e la nascita, subito dopo la liberazione della Capitale, del primo esecutivo del Comitato di Liberazione Nazionale avviarono il consolidamento dell'Italia democratica. Delle forze alleate, accanto alla Quinta Armata statunitense sul versante tirrenico e all'Ottava Armata britannica operante sul fronte adriatico, entrò a far parte, sin dal giugno 1944, il Corpo Italiano di Liberazione.

E' passato da allora più di mezzo secolo: ma la consapevolezza della memoria è un aiuto indispensabile per affrontare ancora uniti le sfide presenti. Dopo la tragedia delle devastazioni materiali e spirituali in Europa, diventò evidente che solo il superamento dei nazionalismi, che avevano generato due conflitti mondiali, avrebbe consentito una pace duratura. La capacità e la volontà delle democrazie d'interpretare l'aspirazione dei popoli alla pace posero le basi di un saldo ordine internazionale. L'America era anche allora la principale potenza occidentale; scelse di usare la sua influenza per la ricostruzione e l'unificazione dell'Europa. Ne fu testimonianza il Piano Marshall, attraverso la geniale intuizione di rivolgersi all'Europa in quanto tale e non a singoli paesi.

Il nuovo, lungimirante ordine internazionale fu imperniato su tre pilastri: le Nazioni Unite; l'Alleanza Atlantica; l'integrazione europea. Le istituzioni multilaterali allora costruite gettarono le basi di un mondo più sicuro; rimangono ancora oggi la stella polare che orienta la rotta dei governi. L'Alleanza Atlantica ha garantito sicurezza all'Europa occidentale; ha permesso che la volontà unitaria dei popoli europei si sviluppasse pienamente.

Noi, europei, dal canto nostro, non siamo rimasti inerti: abbiamo costruito la nostra unità; abbiamo portato alla democrazia tutte le nazioni europee, da Nord a Sud, da Ovest a Est. Il nostro modello d'integrazione è un esempio per tutte le nazioni.

Il ricordo del 4 giugno 1944 potrà tanto più ispirarci se continueremo a lavorare insieme sulla base dei metodi che ci hanno guidato per 50 anni: confronto; rispetto; solidarietà. Il modo migliore per affrontare cambiamenti complessi e profondi è, infatti, di operare ispirandosi ai valori maturati nelle precedenti vicende storiche. L'ONU, la Nato, l'Unione Europea sono un patrimonio prezioso da salvaguardare, anche di fronte alle profonde modifiche della realtà internazionale. I principi che sorreggono le nostre società non sono cambiati: essi devono vivere nelle nostre coscienze, nei nostri comportamenti di paesi democratici.

Solo attraverso un rinnovato impegno comune sarà possibile vincere le sfide del XXI secolo: contrastare e rimuovere le cause del terrorismo che, con gli attentati dell'11 settembre, ha mostrato una sconvolgente volontà distruttiva. Con questi sentimenti, rinnovo a Lei Generale Thomas, e ai membri della delegazione dei veterani qui presenti, la riconoscenza e l' amicizia del popolo italiano, e colgo l'occasione per formulare un augurio di pace e di libertà per tutte le regioni martoriate del mondo.




Editoriale del nr. 116 maggio-giugno 2004

Editoriale del nr. 115 marzo-aprile 2004

Editoriale del nr. 114 gennaio-febbraio 2004

Editoriale del nr. 113 novembre-dicembre 2003

Editoriale del nr. 112 settembre-ottobre 2003

Editoriale del nr. 111 luglio-agosto 2003

Editoriale del nr. 110 maggio-giugno 2003

Editoriale del nr. 109 marzo-aprile 2003

Editoriale del nr. 108 gennaio-febbraio 2003

Editoriale del nr. 107 novembre-dicembre 2002

Editoriale del nr. 106 settembre-ottobre 2002

Editoriale del nr. 105 luglio-agosto 2002

Editoriale del nr. 104 maggio-giugno 2002

Editoriale del nr. 103 marzo-aprile 2002

Editoriale del nr. 102 gennaio-febbraio 2002

Editoriale del nr. 101 novembre-dicembre 2001

Editoriale del nr. 100 settembre-ottobre 2001

Editoriale del nr. 99 luglio-agosto 2001

Editoriali dei nr. 97 marzo-aprile 2001 e del nr. 98 maggio-giugno 2001

Home Page